Logo Valentino Mea Consulente SEO e SEM
universal analytics

Come monitorare gli eventi su Universal Analytics

Come sappiamo è impossibile installare il codice di monitoraggio di Universal Analytics su file pdf, excel, word, etc. Questo però non significa che non è possibile monitorare quando un utente scarica questa tipologia di file. E’ possibile farlo attraverso il monitoraggio degli eventi, il quale ci permette di ottenere statistiche in tal senso.

Con questo articolo il mio obiettivo è quello di rispondere alle seguenti domande:

  1. Come monitorare i download con Universal Analytics?
  2. Come monitorare i clic su link specifici?
  3. Come tracciare lo scaricamento di pdf?

Per monitorare gli eventi su Universal Analytics è necessario inserire un attributo nella sintassi del link come da esempio:
link non monitorato:

<a href="file.pdf">Nome File PDF</a>

link monitorato:

<a onclick="ga('send', 'event', 'pdf', 'click', 'Nome File PDF', 1);" href="file.pdf">Nome File PDF</a>

Ecco esplicata la sintassi:

  1. i parametri ‘send’ e ‘event’ sono obbligatori e vanno scritti così
  2. è obbligatorio dare un nome alla categoria nel nostro caso: “pdf”
  3. è obbligatorio dare un nome all’action nel nostro caso “click”
  4. inserire la label per categorizzare ulteriormente l’evento, nel nostro caso “Nome File PDF”
  5. facoltativamente si può attribuire anche un valore numerico, in questo caso “1”

Non so se è chiaro, ma possiamo attribuire il nome categoria, dell’azione, dell’etichetta e del valore che ci è più comodo per ordinare in un secondo momento i rapporti. Quindi su questi quattro parametri vi è massima libertà.

Esempio pratico sul monitoraggio degli eventi

Un esempio pratico potrebbe riguardare il monitorare lo scaricamento di un buono sconto su di un sito e-commerce, il cui valore è di 20 €:
link non monitorato:

<a href="buono_sconto.pdf " target="_blank">BUONO SCONTO</a>

link monitorato:

<a onclick="ga('send', 'event', 'pdf', 'scarica', 'buono sconto',20);" href="buono_sconto.pdf" target="_blank">BUONO SCONTO</a>

Come potete vedere mi è venuto comodo assegnare come nome categoria “pdf” perché il file è un pdf

categoria evento

come azione “scarica” perché deve essere scaricato

azione evento

come etichetta “buono sconto” perché si tratta di un buono sconto

etichetta evento

e infine come valore “20” perché il buono ha valore di 20 €.

Monitorando gli eventi in questo modo, al termine della campagna potrò dire al mio cliente precisamente quanti buoni sconti ha regalato e l’equivalente valore.

Tags:

Commenti (6)

  • Avatar

    |

    Ciao Valentino,
    grazie per la guida, utile a chiarire le idee.
    Ho settato correttamente gli eventi e gli obiettivi ma ho notato che questi influiscono sul bounce rate.
    Hai idea di come potrei risolvere?

    Grazie,
    Roberto

    Reply

    • Avatar

      |

      Buongiorno Roberto,
      dovrei capire prima perché non vuoi che gli eventi o il completamento di un’obiettivo influiscano sulla frequenza di rimbalzo. In ogni caso, in merito agli eventi, puoi utilizzare i cosiddetti “Eventi di non interazione” per evitare che la loro attivazione influisca sulla frequenza di rimbalzo. Per farlo è sufficiente inserire nella sintassi dell’evento il parametro: “nonInteraction: true”. Spero di esserti stato d’aiuto. Buon lavoro!

      Reply

  • Avatar

    |

    Ciao Valentino, l’articolo ho visto che non è recente ma sto cercando un po’ in giro e non trovo niente: ho un pdf non collegato al sito con nessun link, però vorrei monitorarne l’apertura. Al pdf ci arrivo da Facebook ma vorrei avere delle statistiche alternative a quelle di FB. quindi avevo pensato ad analytics dato che ce l’ho sul sito dove metto il pdf. Come posso fare? Grazie.

    Reply

    • Avatar

      |

      Ciao Iuri,
      non c’è stato bisogno di aggiornare l’articolo in quanto il monitoraggio degli eventi su Universal Analytics non è stato modificato. Ritengo che utilizzando la sintassi proposta dovresti riuscire ad ottenere tranquillamente il risultato che desideri. A presto e buon lavoro!

      Reply

  • Avatar

    |

    Ciao Valentino,
    se dovessi inserire il tag in un link con immagine/bottone e non con semplice anchor text, come cambierebbe la sintassi?
    Dovrei semplicemente sostituire img ser=” a href=?

    ciao e grazie dell’utile post.

    Reply

    • Avatar

      |

      Ciao Andrea,
      se si tratta di un’immagine/banner la sintassi è praticamente la stessa.
      Riprendendo l’esempio citato in questo articolo la sintassi risulta identica e cambia solo nel fatto che invece dell’anchor text vi sarà il tag img con il percorso dell’immagine.
      Anche se intendi monitorare i clic su un preciso pulsante la sintassi è la medesima cambia solo il tag contenitore che potrebbe essere ad esempio il tag button.

      Reply

Lascia un commento

Categorie del Blog

Telefona 02 8718 8516
preventivo@valentinomea.it